Abbonati ai feed di SEO per SEO

Il contenuto vince su tutto

In: Seo simple

3 giu 2009

affitti-per-studenti

Gestisco l’ottimizzazione di un sito di affitti per studenti.

Avevo posizionato un box contenente i link alle sottocateorie del sito, una categoria per ogni provincia. Il box era in basso nella colonna di destra, quindi nell’ultima parte del sito, parlando in termini di ordine di lettura del codice.

Il sito oscillava tra la 5° e la 7° posizione in homepage per la keyword principale “affitti studenti“.

Recentemente ho deciso di spostare il box nella prima parte della pagina, in alto, ben visibile agli utenti. E’ sicuramente un’ottima cosa per gli utenti del sito che possono scegliere più facilmente la provincia dove cercare. Il box è rappresentato nell’immagine del post e quelli che vedete sono tutti link.

Questa mossa, utile per l’utente, è stata l’unica modifica al sito negli ultimi mesi. Il sito ha però perso un sacco di posizioni in questo periodo per la keyword principale e ho ritenuto che la presenza di tutti quei link in alto alla pagina sia la causa principale della perdita di posizione.

Con la mia convinzione che Google tenta sempre di assomigliare alla mente umana, ho ragionato come ragionerebbe una persona che capita in un luogo simile.

Immaginiamo di giungere davanti ad un’abitazione e di entrare dentro la prima porta che vediamo. Entrati nella stanza troviamo un pavimento, con una grande scritta (il metatag title del sito) e 100 porte sulla parete di fronte (i link che ho messo subito in alto alla pagina).

In lontananza vediamo un sacco di parole, testo, discorsi di senso compiuto, qualche immagine (il contenuto della homepage).

Possiamo convenire nel ragionamento che il testo è molto lontano e le porte sono molto vicine. Inoltre 100 porte possono portare a un contenuto più facile, e la mente umana preferisce per natura le scelte più semplici, meno gravose e meno dispendiose.

E’ quindi naturale scegliere una di queste porte presi anche dalla curiosità di scoprire cosa c’è dietro, invece di andare laggiù in fondo a leggere cosa c’è scritto col rischio anche che non ci sia scritto niente di interessante.

Google infatti ha smesso di leggere il contenuto della pagina, e trovando un centinaio di link che mandano ad ogni città, ha preferito visitare le pagine delle città invece che appronfondire la home.

Tutto questo a cosa ha portato?

Innanzitutto alla scomparsa del sito da Google per la keyword principale, e in secondo luogo la conquista di numerose posizioni per le keyword degli anchor text dei link alle città.

Quindi ora non sono più in prima pagina con la keyword principale e sono salito con keyword come “affitti studenti Ascoli Piceno”.

Con tutto il rispetto per gli abitanti di Ascoli Piceno, non ho interesse a comparire con queste keyword, e pertanto ho tolto i link tornando alla homepage di prima e cercando di riconquistare la prima pagina con la keyword principale.

Cosa ho imparato da questa esperienza:

IL CONTENUTO VINCE SU TUTTO.

Questo ci insegna che i link vanno trattati con cautela e posizionati nella giusta collocazione all’interno del codice della pagina. Avere un buon contenuto, ricco di keyword attinenti a un link che intendiamo presentare successivamente valorizza il link. Al contrario avere un link prima del contenuto non valorizza il contenuto stesso in quanto probabilmente Google se ne andrà in quel link prima di leggere il contenuto.

Ulteriori esperimenti a riguardo nei prossimi giorni.

Stay tuned ;)

1 Response to Il contenuto vince su tutto

Avatar

Nico Guzzi

giugno 25th, 2009 at 15:36

Ottimo ragionamento, più che condivisibile, aggiungo però una cosa, mettere nella home tutti quei link con la keyword affitti ripetuta all’inverosimile si rischia anche il key stuffing e presunte penalizzazioni, meglio mettere un link con affittì singole città e una sottopagina di listing

[Rispondi]

Comment Form

SEO Blog:.

Photostream