Abbonati ai feed di SEO per SEO

Ottimizzare un post per i motori di ricerca

In: Seo medium

16 apr 2009

Ottimizzare un post per i motori di ricerca

Quando cerchiamo di scrivere un post efficace dobbiamo chiederci:

"efficace per chi"?

Le risposte possono essere varie. Efficace per noi, per l’utente, per i motori di ricerca, per sensibilizzare l’opinione pubblica…etc…

In questo articolo parlerò di efficacia nei confronti dei motori di ricerca.

Scrivere un post efficace per i motori di ricerca, quindi un post efficace per il posizionamento nelle SERP e quindi un post efficace in ottica SEO, è una missione che può essere portata a termine facilmente seguendo dei semplici accorgimenti.

Supponendo di utilizzare una piattaforma Wordpress preparata in ottica SEO, l’ottimizzazione del post si individua in 3 aree:

  1. Il titolo
  2. Il corpo
  3. I tags, il link, l’header…etc

1) OTTIMIZZARE IL TITOLO DEL POST PER I MOTORI DI RICERCA

Il titolo del post è il suo nome, il suo biglietto da visita, il testo ne troppo lungo ne troppo corto che deve far capire l’argomento del post. Il titolo è molto importante. Il template metterà il titolo tra i tag H1 e le parole che compongono il titolo avranno una estrema rilevanza per lo spider che è appena entrato nella pagina e vuole farsi un’idea dell’argomento di cui si parla nel testo.

Per questo è di fondamentale importanza scegliere accuratamente le parole che vanno a comporre il titolo, arricchendolo di keyword che ci interessano per posizionare il post e minimizzando le parole non attinenti, gli articoli e le congiunzioni.

Se ad esempio volessimo scrivere un post che parla del problema degli affitti per studenti fuori sede, un ottimo titolo sarebbe "Affitti studenti fuori sede". Una scelta peggiore dal punto di vista dell’ottimizzazione per i motori di ricerca sarebbe scrivere "Il problema degli affitti per gli studenti fuori sede", pur essendo grammaticalmente corretto e magari più gradevole. La differenza sta nel fatto che probabilmente nel primo caso andiamo a usare come titolo esattamente una probabile query dell’utente che cerca materiale attinente agli studenti fuori sede. Inoltre rispetto alla seconda ipotesi, il titolo è composto solamente da keyword che ci interessano.

Un altro aspetto che deve essere preso in considerazione quando si sceglie il titolo del post è che esso andrà a comporre la url che punta al post stesso. E’ quindi bene usare le keyword che ci interessano anche nella url. In questo modo lo spider già prima di giungere nella pagina ed analizzarla potrà farsi un’idea sul contenuto.

2) OTTIMIZZARE IL TESTO DI UN POST PER I MOTORI DI RICERCA

Come quotidianamente ci prendiamo cura del nostro corpo, anche il corpo del post deve essere curato nei minimi dettagli al fine di essere il più possibile gradito agli spider. Ottimizzare il testo di un post per i motori di ricerca è un’operazione che può aumentare notevolmente il tempo di scrittura del post stesso. La ricerca delle parole deve essere minuziosa e se non si ha l’abitudine potrebbe risultare difficoltoso scrivere frasi di senso compiuto, gradevoli da leggere e ricche di keyword.

Sin dalla scuola ci hanno insegnato che per una lettura scorrevole ed allo stesso tempo gradevole è bene non ripetere troppo volte la stessa parola in maniera ravvicinata. Il modo di comunicare però sta cambiando e non si sta scrivendo su un semplice foglio per essere giudicati, ma si sta scrivendo un messaggio che vogliamo divulgare il più possibile. I nostri obiettivi sono quindi: scrivere un contenuto facilmente leggibile e corretto; rendere il nostro contenuto rintracciabile il più facilmente possibile. Detto brevemente vogliamo diffondere il più possibile l’ottimo contenuto che produciamo.

I motori di ricerca leggono il nostro contenuto e ne tengono conto quando qualcuno digita una query di ricerca attinente ad esso. E’ bene quindi presentare loro un contenuto ottimizzato senza stravolgerlo, per una corretta lettura dell’utente. I punti principali da tenere in considerazione sono i seguenti:

  • Usare dove possibile le keyword che vogliamo posizionare e non sinonimi. Questo non significa evitare i sinonimi, ma usare ripetizioni fino al limite di una lettura scorrevole. 
  • Cercare di allungare le frasi in modo da distanziare le ripetizioni. Per far questo si possono fare brevi considerazioni al termine dell’esposizione di un concetto per distanziare il concetto successivo.
  • Usare il grassetto (strong) sulle keyword e sulle query string per le quali vogliamo posizionare il posto. Non abusare del grassetto. In tal caso l’articolo sarebbe leggibile con difficoltà dall’utente.
  • Cercare di sfruttare alcune keyword che ci vengono naturali nella scrittura dell’articolo per linkare altri articoli del blog. In questa maniera si viene a creare una ragnatela di link tra i vari post che può riuscire a tenere lo spider più a lungo sul nostro blog facendo in modo che visiti più contenuti.
  • Scrivere un buon contenuto su quello di cui stiamo parlando, corposo e che senza usare il copia ed incolla. E’ bene scrivere sempre contenuto nostro e soprattutto contenuto originale.

3) USARE I TAGS, IL TITLE, LA DESCRIPTION E LE URL PER UN BUON POSIZIONAMENTO

Se stiamo postando su un blog ottimizzato, probabilmente c’è qualche plugin che ci permette di inserire a mano il title e la description della pagina. Avere a disposizione anche un campo dove inserire i tags relativi all’articolo è una cosa utile dal punto di vista del posizionamento sui motori di ricerca.

Avere la possibilità di scrivere quello che vogliamo nel tag title della pagina può sembrare attraente, ma secondo me è molto più utile uniformare le tre cose che ritengo (e non solo io) fondamentali per ottenere un buon posizionamento del post:

  1. Dare un titolo al post con le princpali keyword dell’articolo.
  2. Valorizzare il tag title con le stesse keyword.
  3. Avere una url ancora con le stesse keyword.
  4. Ripetere le keyword almeno una volta ciascuna nella description.
  5. Scrivere un titolo al massimo di 60 caratteri ed una description di circa 160 caratteri.

Oltre a questi accorgimenti è bene ricordarsi sempre si usare tags e di inserire il post nella corretta categoria. Se non esiste una categoria che gli si addica è preferibile crearne una invece che inserirlo in una banale categoria "varie".

Per quanto riguarda i tags, è bene inserirvi le keyword per le quali vogliamo posizionare l’articolo, quindi le stesse che abbiamo messo nel titolo, nei metatags e sulle quali abbiamo lavorato per ottimizzare il testo.

Questo breve post non vuole essere una bibbia o un credo. In questo post ho semplicemente esposto la mia opinione sui passi da compiere e sugli aspetti di cui tenere conto quando scriviamo un post al fine di renderlo facilmente rintracciabile grazie a degli accorgimenti volti ad ottimizzarlo per i motori di ricerca.

Anche se inizialmente potrebbe sembrare lento e macchinoso usare considerare questa moltitudine di aspetti durante la scrittura di un post, col tempo diventerà quasi naturale.

 

Comment Form

SEO Blog:.

Photostream